Dopo trent’anni di crescita costante, l’India ha una vivace attività manifatturiera ed è diventata uno snodo importante di commercio internazionale. Potrebbe diventare un alleato cruciale per il raggiungimento di alcune delle priorità strategiche dell’Ue.

Un paese in crescita costante

Nel dibattito sulla riglobalizzazione – cioè l’emergere di coalizioni di paesi fondate su comuni interessi economici e nuove alleanze geopolitiche – un paese guadagna crescente attenzione: l’India. Oggi è già la quinta economia mondiale e presto (entro il decennio) sarà più grande della Germania e del Giappone, terza dietro a Stati Uniti e Cina.

L’India è stata spesso descritta come un’economia del futuro, ma in realtà ha già realizzato una delle storie di crescita più impressionanti del recente passato. È uno dei dieci paesi del mondo che, negli ultimi tre decenni fino alla pandemia, ha raggiunto una crescita media annua superiore al 3 per cento, senza mai scendere al di sotto del 2 per cento di media quinquennale.

L’economia che ha generato questa crescita è cambiata nel corso del processo: i servizi indiani ad alta intensità di capitale umano rappresentano oggi più del 20 per cento del valore aggiunto totale dell’economia del paese e dominano il commercio del settore. Anche le industrie manifatturiere ad alta intensità di competenze e di capitale sono cresciute, mentre quelle ad alta intensità di lavoro hanno ristagnato come quota del Pil nazionale. L’India è diventata, ad esempio, un importante sito di produzione di telefoni cellulari e oggi ha più start-up “Unicorn” del Regno Unito o della Germania.

L’attuale governo indiano ha avviato riforme ambiziose sulla liberalizzazione del mercato del lavoro e sulla semplificazione fiscale attraverso un’imposta nazionale sul valore aggiunto (Iva). L’iniziativa “Make in India” è stata lanciata come programma generale per l’attrazione di investimenti esteri diretti, lo sviluppo delle competenze della forza lavoro e la riduzione dei costi amministrativi delle attività commerciali. Sono stati introdotti incentivi legati alla produzione (Pli) per incoraggiare gli investimenti in attività produttive in settori specifici come i pannelli solari.

Leggi anche:  La Russia nel "Mondo al Contrario"

Sebbene siano meno della metà di quelli verso la Cina (all’incirca 181 miliardi di dollari nel 2021), gli afflussi di Ide sono quasi raddoppiati nell’ultimo decennio (figura 1) e in percentuale del Pil sono ora superiori alla Cina e alle medie dei paesi a reddito medio e medio-basso. I principali paesi dai quali provengono (ad eccezione del paradiso fiscale delle Mauritius) sono i grandi paesi industrializzati, Italia inclusa (figura 2).

Figura 1 – Investimenti diretti esteri in India dal 2012

Fonte: Statista

Figura 2 – Maggiori investitori in India

Fonte: Unctad: Fdi, Fdi/Mne database (www.unctad.org/fdistatistics)

Al contempo, l’India è diventata più aperta al resto del mondo: da bassi livelli iniziali, la quota delle esportazioni indiane rispetto al Pil è ora superiore a quella della Cina o del Giappone. Tra il 2007 e il 2019 il loro valore è cresciuto a un tasso più alto di quello della Cina. Anche i suoi partner commerciali sono cambiati nel tempo: se nel 2001 il paese era legato soprattutto all’Europa (figura 3), nel 2011 si era inserito appieno nella comunità asiatica che gravita intorno a Pechino (figura 4), mentre oggi è il motore di una nuova piccola comunità che include l’Arabia Saudita, gli Emirati arabi uniti, l’Egitto e molti paesi ricchi di risorse naturali, inclusa la Russia che dal 2022 è stata progressivamente allontanata dal commercio europeo (figura 5). Oggi l’India è diventata uno snodo importante di commercio internazionale, legato a Pechino, ma al centro di una vera e propria “comunità” di paesi verso i quali esporta; un vero e proprio quarto polo mondiale, centro di un’intensa attività economica e attrattore di capacità manifatturiera.

Figura 3 – Trade communities nel 2001

Fonte: elaborazione su dati UnctadStat

Figura 4 – Trade communities nel 2011

Fonte: elaborazione su dati UnctadStat

Figura 5 – Trade communities nel 2021

Fonte: elaborazione su dati UnctadStat

Un partner fondamentale per l’Ue

Una nuova India sta dunque emergendo, e da tempo. Le rinnovate discussioni commerciali tra l’Ue e New Delhi dal maggio 2021 e il dialogo in corso nell’ambito della “Roadmap to 2025” del partenariato strategico Ue-India offrono all’Unione la possibilità di seguire un nuovo approccio.

Leggi anche:  Da Johannesburg a Nuova Delhi: come cambia l’economia mondiale

L’India è un partner fondamentale per il raggiungimento di alcune delle priorità strategiche dell’Europa:

  • dispone di una forza lavoro ampia e in crescita che le permetterà di emergere come uno dei futuri fornitori alternativi di beni manifatturieri, riducendo la dipendenza del mondo (e dell’Europa) dalla Cina.
  • ha un fabbisogno energetico in rapida crescita e deve quindi far parte di qualsiasi soluzione realistica alla sfida climatica globale.
  • in quanto democrazia più popolosa del mondo, nel cuore della nascente regione indo-pacifica, è un attore critico di stabilizzazione in un sistema geopolitico sempre più fragile.

Cresce dunque l’interesse dell’Europa per l’India, soprattutto per quanto riguarda il commercio e gli investimenti. Il focus dei negoziati commerciali è però basato sull’accesso al mercato e rischia di portare ancora una volta a uno stallo. Un approccio più promettente sarebbe quello di consentire alle aziende europee di avere un ruolo nelle ambizioni di costruire capacità manifatturiere più forti, che è l’interesse attuale dell’India, con il progetto “Make in India”. Ciò offrirebbe alle imprese manifatturiere europee un partner con un enorme mercato interno e la possibilità di diversificare le loro catene di approvvigionamento dalla Cina, una combinazione impossibile altrove.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Paesi in via di sviluppo: quali politiche per le catene del valore