Lavoce.info

Perché le gare scendono in spiaggia

La direttiva Bolkestein si applica anche ai servizi svolti senza fini di lucro, stabilimenti balneari compresi. In più, i criteri per la valutazione della scarsità della risorsa “accesso alla costa” adottati dal governo non rispondono ai vincoli europei.

La direttiva Bolkestein e le concessioni demaniali

Il tema della liberalizzazione nel settore degli stabilimenti balneari è ancora di stretta attualità, nonostante il fatto che la rilevante legislazione europea risalga al 2006 (la cosiddetta direttiva servizi, o “Bolkestein”) e che le norme costituzionali europee in materia di libertà di stabilimento siano in vigore da svariati decenni.

Per le spiagge, la norma chiave della direttiva è all’articolo 12. I casi disciplinati hanno una duplice caratteristica. In primo luogo, sono casi in cui è eccezionalmente consentito agli stati di subordinare l’esercizio di un’attività economica al previo ottenimento di un’autorizzazione dell’autorità competente (per esempio, le “concessioni” all’utilizzo commerciale di beni demaniali). In secondo luogo, deve trattarsi di casi in cui “il numero di autorizzazioni disponibili per una determinata attività sia limitato per via della scarsità delle risorse naturali”. In tale ipotesi, gli stati devono applicare una procedura di selezione imparziale e trasparente per individuare a chi concedere l’autorizzazione, che deve avere una durata limitata, non può essere rinnovata automaticamente né può accordare altri vantaggi al prestatore uscente.

Risale a pochi giorni fa la pubblicazione dell’ultima pronuncia giurisdizionale del Consiglio di stato sul tema (n. 03940/2024), in cui si ribadiscono tre punti essenziali: ci sono i presupposti normativi per la concreta applicabilità alle concessioni balneari in Italia della direttiva servizi, e in particolare degli obblighi previsti dall’art. 12. La disciplina nazionale in materia, prevedendo la proroga delle concessioni, si pone in contrasto con la normativa europea e, di conseguenza; l’amministrazione locale competente deve disapplicare la disciplina nazionale e applicare direttamente il diritto dell’Ue, dando immediatamente corso alla procedura di gara per assegnare le concessioni balneari in un contesto realmente concorrenziale.

Ci sembrano opportune alcune precisazioni relative non tanto al contenuto prescrittivo dell’art. 12, quanto al suo ambito applicativo, ossia ai casi in cui la norma vincola le autorità nazionali.

E se gli stabilimenti balneari sono gestiti senza scopo di lucro?

Secondo l’orientamento espresso su questo sito da Fausto Capelli, gli obblighi previsti dall’art. 12, e più in generale la direttiva nel suo complesso, non trovano applicazione se lo stabilimento balneare è gestito senza scopo di lucro. È lecito dubitare della correttezza di tale interpretazione, che ci sembra contraddetta sia da una consolidata giurisprudenza dell’Ue (per esempio, C-281/06, pt. 32-33; C-157/99, pt. 50-52), sia dal Manuale per l’attuazione della direttiva servizi della Commissione (a pag. 10), citato dalla stessa Corte di Giustizia dell’Ue come strumento interpretativo.

Per costituire “servizio” ai fini della direttiva e dei Trattati europei, è sufficiente e necessario che l’attività (svolta fuori da un rapporto di lavoro subordinato) preveda normalmente un corrispettivo economico, conferito da chi fruisce del servizio o da un soggetto terzo (caso 352/85). Il concetto di corrispettivo economico è stato interpretato in modo molto ampio dalla Corte, nel senso che l’attività del prestatore deve essere in qualche modo pagata (anche in natura), senza però la necessità che sia prestata allo scopo di realizzare un guadagno, inteso come utile o profitto (si pensi a un corrispettivo economico che si limiti a coprire i costi).

L’applicabilità della direttiva non viene meno, quindi, per il solo fatto che a erogare il servizio è un prestatore, pubblico o privato, non profit (C-70/95). Affinché gli stabilimenti balneari siano esclusi dall’ambito applicativo della direttiva, non basta l’assenza della finalità lucrativa, occorre che i gestori offrano servizi che non prevedano di regola alcuna forma di corrispettivo economico.

C’è scarsità di spiagge libere?

Leggi anche:  Il derby d'Italia: risultati in campo e risultati di bilancio

L’art. 12 prevede l’obbligo per gli stati membri di indire una selezione periodica se il numero di concessioni balneari disponibili è limitato per via della scarsità delle risorse naturali. Chi stabilisce, relativamente alle aree demaniali costiere, che le risorse naturali sono scarse, e sulla base di quali criteri?

In una recente sentenza (C-348/22), la Corte di giustizia dell’Ue ha confermato l’effetto diretto dell’art. 12, e cioè che la sua applicazione da parte dell’amministrazione (per esempio, quella comunale) e del giudice nazionale non è subordinata a un previo intervento normativo dello Stato (per esempio, del legislatore nazionale). Ciò ha due importanti implicazioni: la prima è che la verifica della sussistenza della scarsità delle risorse naturali, presupposto all’applicazione dell’art. 12, può (deve) essere effettuata dalla stessa amministrazione competente e, in caso di controversia, dal giudice. La seconda implicazione è che le medesime autorità, ove accertino che la condizione della scarsità è soddisfatta, hanno il potere (il dovere) di (far) applicare gli obblighi e i divieti previsti dall’art. 12, disapplicando le eventuali norme di diritto nazionale non conformi.

Concentrandoci sulla prima implicazione, la questione è: sulla base di quali criteri le autorità possono o devono verificare la sussistenza della scarsità delle risorse naturali? La medesima Corte riconosce agli stati membri “un certo margine di discrezionalità” nella scelta dei criteri di valutazione. Le autorità (sul piano legislativo, amministrativo o giurisdizionale) possono adottare un approccio generale e astratto, riferito al territorio nazionale nel suo complesso, oppure adottare un approccio caso per caso in relazione alla specifica situazione esistente a livello locale; oppure ancora, una combinazione dei due. La Corte considera quest’ultima opzione, in particolare, come equilibrata, in quanto capace di adeguare alle specificità dei singoli comuni l’attuazione concreta degli obiettivi di sfruttamento economico fissati astrattamente a livello nazionale. La discrezionalità conferita dall’art. 12, in ogni caso, non è priva di vincoli, visto che secondo la Corte i criteri scelti devono comunque rispettare le condizioni di obiettività, non discriminazione, trasparenza e proporzionalità.

Partita nazionale e partita europea

È sulla questione della “scarsità delle risorse naturali” che negli ultimi tempi si è giocata gran parte della partita legale (e politica) del governo italiano a favore dello status quo. È una partita che si svolge contemporaneamente su due campi, che si intersecano: quello “arbitrato” dal giudice nazionale e quello “arbitrato” dal giudice europeo. In entrambi i campi, le regole del gioco sono europee (in primo luogo, l’art. 12 della direttiva, così come interpretato dalla Corte). Non potendo giocare con regole diverse, il governo sembra oggi destinato a una duplice sconfitta.

In campo nazionale, la recentissima sentenza del Consiglio di stato ribadisce la scarsità delle coste disponibili, già accertata dallo stesso giudice nel 2021 (Cons. stato, Ad. plen., 9 novembre 2021, n. 17 e n. 18). La sussistenza di tale condizione ai fini dell’art. 12 è quindi ormai un dato non più discutibile in Italia nel prossimo futuro? In sostanza direi di sì. Forse, l’unica ipotesi in cui le aree ancora disponibili potrebbero in realtà non risultare scarse è quella in cui (per legge nazionale o per decisione della singola amministrazione competente, nell’esercizio della discrezionalità riconosciuta agli stati dalla Corte) si applicasse un approccio caso per caso che si concentri esclusivamente sulla situazione esistente nello specifico territorio comunale. Un approccio cioè che prescinda dal dato regionale o nazionale, all’opposto di quanto invece sembra aver fatto il Consiglio di stato nella già citata sentenza di pochi giorni fa. In questo caso, si dovrebbe trattare di un territorio in cui a essere occupata dagli stabilimenti è una piccola percentuale delle aree comunali disponibili di diritto e di fatto per nuove concessioni balneari e attrattive sul piano commerciale.

In campo europeo, la Commissione ha attivato una procedura di infrazione contro l’Italia, per violazione del diritto dell’Ue (in primis, la direttiva servizi) in tema di concessioni balneari (INFR(2020)4118).

Leggi anche:  Tutto cambia, ma non la Rai

Il governo italiano si è difeso cercando di dimostrare la non scarsità delle risorse naturali. Nella misurazione delle aree ancora disponibili, il governo ha adottato un approccio generale e astratto, considerando tutte le coste nazionali come aree demaniali suscettibili di sfruttamento economico, con l’eccezione delle aree militari e secretate. Alla somma di tali aree è stato poi sottratto il numero di quelle già occupate da stabilimenti balneari, al fine di determinare se le coste rimaste libere a livello nazionale siano “scarse” e quindi il numero di concessioni disponibili sia limitato oppure no. Secondo il governo la quota di aree occupate attualmente dalle concessioni equivale al 33 per cento di quelle disponibili. Il governo sostiene quindi che i litorali italiani privi di stabilimenti balneari a disposizione di nuovi potenziali operatori risultano ancora molti e che di conseguenza non sussiste la condizione di scarsità necessaria a far scattare gli obblighi di cui all’art. 12.

Misure sbagliate

La correttezza della misurazione non pare condivisibile, e non sorprende che sia contestata sotto vari profili dalla Commissione europea (vedi il Parere motivato indirizzato all’Italia del 16/11/2023, nell’ambito della procedura di infrazione). Anzitutto, nella misurazione sono state incluse aree sì libere da stabilimenti balneari, ma di fatto inutilizzabili, come i porti e le aree industriali relative a impianti petroliferi, industriali e di produzione di energia, o difficilmente sfruttabili commercialmente, almeno con la stessa competitività delle spiagge già date in concessione, come le coste rocciose. Secondo il Rapporto spiagge di Legambiente del 2023, nel 2021 il 42,8 per cento delle coste basse sono occupate da concessioni (non solo balneari), mentre un altro 7,7 per cento è inaccessibile per illegalità varie (per esempio, abusi edilizi) o per divieto di balneazione a causa del mare inquinato.

Inoltre, il conteggio del governo non ha deliberatamente tenuto conto né del fatto che nell’esercizio delle loro competenze “in molte regioni è previsto un limite quantitativo massimo di costa che può essere oggetto di concessione, che nella maggior parte dei casi coincide con la percentuale già assentita”, né della necessità di considerare l’ambito territoriale dei singoli comuni interessati, a differenza di quanto invece rilevato dal Consiglio di stato (Cons. stato, Ad. plen., 9 novembre 2021, n. 17).

A nostro avviso, criteri come quelli adottati dal governo per la valutazione della scarsità delle risorse non possono essere ritenuti conformi ai vincoli imposti dalla Corte agli stati membri nell’esercizio della loro discrezionalità. Ciò vale, in particolare, per quanto riguarda le condizioni relative alla proporzionalità e alla non discriminazione. In primo luogo, per essere proporzionati i criteri devono risultare tra l’altro idonei a realizzare l’obiettivo perseguito. Invece, attraverso i criteri scelti dal governo italiano non si riesce a verificare la possibilità effettiva di sfruttare economicamente aree demaniali libere. In secondo luogo, i criteri risultano discriminatori, svantaggiando i prestatori stranieri rispetto a quelli nazionali, visto che gran parte dei litorali nazionali e di quelli più redditizi sono già occupati da operatori nazionali, lasciando eventualmente agli stranieri una percentuale più bassa di coste, per lo più di minore accessibilità per condizioni naturali e quindi di ridotta attrattività commerciale.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Aziende committenti e filiera produttiva: il caso Alviero Martini

Precedente

Il Punto

Successivo

Timori e speranze nel dopo-globalizzazione

  1. Savino

    Italiani vergognosi che non vogliono le gare su un bene la cui scarsità è evidente a tutti.
    La cosa seria da fare sarebbe boicottare sdraio e ombrelloni, che faranno pagare a peso d’oro a fronte di demanio regalato.

  2. Dani

    Ma è mai possibile che ci vengono propinati continuamente commenti e notizie sul futuro dei balneari, come se fosse una questione prioritaria per questo paese.
    Ma siete sicuri che agli italiani interessa qualcosa di questo argomento? Siete sicuri che gli italiani nutrini così tanta vicinanza nei confronti di questa categoria di imprenditori? Siete sicuri che la sostituzione dei concessionari con altri concessionari comporterà la perdita di posti di lavoro? Forse i nuovi non avranno bisogno di personale?

    • Lorenzo

      Credo sia invece opportuno che se ne parli, in modo da portare all’attenzione generale questa situazione.
      Si tratta infatti di un ingiustificato vantaggio di cui una ristretta cerchia di persone si è appropriata, con la complicità della classe politica nazionale e locale.
      Ricordiamoci infatti che stiamo parlando di un bene pubblico (cioè di tutti) da cui solo alcuni stanno traendo profitto.
      Non parlarne, mettere tutto a tacere, avrebbe l’unica conseguenza di agevolare il mantenimento dello status quo.

  3. Manlio Vicini

    Pur vivendo in Lombardia sono originario della Romagna, dove trascorro abitualmente parte delle mie vacanze estive.
    In una costa che non può competere per bellezze naturali e del mare con altre regioni, funziona un modello di turismo fondato sull’accessibilità dei costi e su un format di accoglienza e di servizi che è difficile trovare altrove.
    Gli stabilimenti balneari sono a gestione familiare (come la maggior parte delle strutture ricettive) e si costituisce col cliente un rapporto di affezione che spesso dura nel tempo.
    La messa a gara delle concessioni mette a rischio un modello di turismo che non necessariamente deve piacere a tutti, ma che indubbiamente funziona, e colpisce anche il tessuto economico di una regione. Sono infatti migliaia le famiglie che in Romagna si sostengono attraverso la gestione degli stabilimenti balneari e che potrebbero trovarsi a perdere il loro lavoro, a vantaggio di grandi operatori turistici nazionali e non solo.
    La globalizzazione neoliberista, di cui la direttiva Bolkestein è uno degli strumenti attuativi, si va divorando quella piccola impresa che era considerata uno dei punti di forza della nostra economia.
    Altro discorso sono gli irrisori canoni di concessione che i gestori pagano ed è su quelli che sarebbe opportuno intervenire.

    • Savino

      AL giorno d’oggi, si scivola, si inciampa e ci si fa male ad intestardirsi di voler ballare il liscio.

  4. Luigi

    Il vero problema è che sulle coste italiane, al momento, ci sono troppe concessioni balneari, Ad essere scarse sono le aree dove è possibile una balneazione libera e non soggetta agli quasi sempre esosi costi per l’ingresso (spesso subordinato all’obbligo di affittare anche altre attrezzature come ombrelloni , lettini e sedie a sdraio).
    La soluzione di valutare la scarsità o meno delle aree oggetto di concessione comune per comune, con il corollario proposta dall’A. di considerare non scarse tali aree nei comuni in cui sono disponibili molte aree “libere”, rischia di incitare i pochi comuni che si trovassero in tali condizioni ad aprire gare per l’aggiudicazione di concessioni balneari anche su aree finora libere. Solo così potrebbero provare che il mercato è “penetrabile” anche da parte di interessati provenienti da altri Stati membri e, in questo modo, evitare di essere costretti a mettere a gara anche le concessioni esistenti.

  5. Alfredo

    A monte della questione, prima ancora delle inadempienze del nostro Governo al diritto europeo, ci sarebbe il diritto per la maggior parte dei cittadini di fruire liberamente delle spiagge che sono un patrimonio comune. Il criterio della scarsità andrebbe dunque in primo luogo riparametrato alla parte di litorale che è possibile dare in concessione, dopo aver salvaguardato la parte da destinare alla libera fruizione.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén