In Italia la prima rata di pensione arriva in media intorno ai 56,8 anni per gli uomini e 57,1 per le donne. I confronti internazionali mostrano che siano tra i paesi con l’età di uscita dal mondo del lavoro più bassa, addirittura al primo posto fra gli stati europei considerati. Vogliamo aumentare ancora questo divario? Senza prendere decisioni estreme, forse non sarebbe così sbagliato cercare almeno di allinearci alla media europea.

L’età in cui si riceve in Italia la prima rata di pensione si aggira in media intorno ai 56,8 anni per gli uomini e 57,1 per le donne. Come evidenzia la tabella 1, l’Italia è tra i paesi con l’età di uscita dal mondo del lavoro più bassa. Tra gli stati europei considerati è addirittura al primo posto per gli uomini e di poco superata dall’Austria per le donne. E il ministro Damiano proprio ieri ha dichiarato: “Non innalzeremo l’età pensionabile. E’ stato il precedente governo a portarla 60 anni a partire dal 2008. Io vorrei scendere rispetto ai 60 anni e tenere conto del lavoro faticoso”. Vogliamo, quindi, aumentare questo divario?
Senza prendere decisioni estreme, forse non sarebbe così sbagliato cercare almeno di allinearci alla media europea.



 

Tabella: Età a cui si riceve la prima rata di pensione. Basato su domanda retrospettiva per individui ritirati dal lavoro.

 

SWE

GER

DEN

NDL

BEL

FRA

CH

AUT

SPA

ITA

GRC

DONNE

Età pensione pubblica/privata e prepensionamento

63.5

64.0

60.6

63.9

59.1

60.2

61.5

56.4

61.6

56.8

58.9

            

Pensioni di invalidità/inabilità

52.2

48.8

49.9

45.4

43.5

42.1

48.7

50.5

51.1

51.6

47.6

UOMINI

Età pensione pubblica/privata e prepensionamento

63.5

64.1

61.2

63.3

60.7

59.7

63.7

57.8

60.6

57.1

59.9

Pensioni di invalidità/inabilità

52.7

49.6

50.6

44.9

46.1

45.7

48.1

49.2

48.6

48.5

49.1

Fonte: SHARE 2004.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  C'era una volta la perequazione automatica delle pensioni
Leggi anche:  Quanto costa il passo indietro sulla pensione dei medici