Lavoce.info

Per le concessioni balneari il “G20 delle spiagge”

Un gruppo di venti comuni italiani sperimenta da tempo un modello di gestione dei servizi sulle spiagge marittime e lacustri. Potrebbe essere generalizzato su tutto il territorio nazionale, senza la necessità di indire gare per le relative concessioni.

Una proposta che nasce da una sperimentazione

Sull’attuazione della “direttiva Bolkestein” (n. 2006/123), che regola il mercato europeo dei servizi, l’Italia è in grave ritardo. Lo è in particolare su quello delle concessioni balneari, paralizzata dal veto posto dalla categoria degli attuali titolari delle concessioni per lo sfruttamento economico dei litorali.

La proposta di soluzione del problema illustrata in questo articolo si ispira a un’esperienza che già da tempo ha successo nel nostro paese nel gestire i problemi connessi alle concessioni balneari in modo ragionevole e democratico, a vantaggio dell’ambiente e delle collettività interessate.

Da alcuni anni una ventina di comuni italiani hanno costituito, nelle aree da essi amministrate, una società consortile senza scopo di lucro che, partecipando a una procedura di evidenza pubblica, ottiene la concessione balneare per gran parte del litorale di competenza della singola amministrazione municipale. Questi comuni hanno creato tra loro un’associazione che argutamente hanno chiamato “G20 spiagge”.

Vediamo, per esempio, quel che ha fatto il comune di Caorle: con circa 11 mila abitanti, è una nota cittadina di villeggiatura bagnata dal mare Adriatico. Invece di applicare le norme attualmente vigenti in materia di concessioni balneari, l’amministrazione ha adottato la soluzione “G20 spiagge”: senza ripartire il litorale in diversi lotti, ciascuno destinato a essere dato in concessione a un’impresa interessata, il comune ha promosso la costituzione di una società consortile, senza scopo di lucro, alla quale partecipano centinaia di operatori locali che direttamente o indirettamente hanno interesse allo sviluppo dell’area dal punto di vista turistico e da quello economico. Tra i soci, pertanto, figurano i ristoratori, gli albergatori, i commercianti, i professionisti e tutti i piccoli e medi imprenditori dell’area interessata, esercenti attività artigianali o commerciali, che beneficiano dei vantaggi prodotti dallo sviluppo dell’economia alimentata dal turismo. C’è ampio spazio anche per gli attuali gestori dei servizi balneari, oggi titolari di concessioni individuali, domani fornitori degli stessi servizi nel nuovo contesto caratterizzato dalla società consortile titolare di un’unica concessione.

La differenza appare evidente. Nel caso del singolo soggetto titolare della concessione balneare individuale, che versa il canone al demanio secondo la dimensione e le caratteristiche dell’area concessa, tutto il reddito ricavato dall’attività svolta, dedotte le imposte, è interamente riservato al concessionario. Dove invece si adotta il modello “G20”, la società consortile, senza scopo di lucro, versa essa stessa il canone al demanio e paga l’imposta sul reddito prodotto con l’attività svolta.

Leggi anche:  Nei consumi meno beni e più servizi

Conciliare il pluralismo delle imprese con l’unitarietà della gestione

I soci della società, in quanto esponenti della collettività locale e soggetti attivi nel contesto economico dell’area di riferimento interessati al buon andamento della società consortile, vengono singolarmente assoggettati alle imposte per l’attività svolta come fornitori di servizi o noleggiatori di attrezzature per la balneazione, ristoratori, albergatori, esercenti dei negozi, artigiani, o altro, verso i turisti che soggiornano nell’area considerata, alimentando tutte le attività economiche.

L’intera collettività dell’area considerata è interessata a rendere conveniente e gradevole la permanenza dei turisti facendo funzionare al meglio i servizi privati, tutelando l’ambiente e i beni culturali, creando anche sinergie per migliorare le prestazioni delle amministrazioni e dei servizi pubblici, investendo nei beni comuni a vantaggio di tutti.

Inoltre, data la conformazione delle zone costiere italiane adibite a spiagge, che sono tra loro collegate quasi senza soluzione di continuità, è forse possibile immaginare anche un collegamento tra le diverse società consortili: potrebbero, cioè, stipulare accordi tra loro e con le pubbliche amministrazioni competenti per territorio, allo scopo di organizzare congiuntamente la difesa dell’ambiente e degli arenili nelle aree interessate, per esempio contro l’erosione delle spiagge e contro altre calamità (pensiamo agli interventi oggi necessari per eliminare il granchio blu).

A ben vedere, queste società consortili potrebbero costituire la realizzazione concreta delle associazioni previste dall’ultimo comma dell’art. 118 della nostra Costituzione secondo cui: «Stato, regioni, città metropolitane, province e comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà». Inoltre, potrebbero essere sviluppate sinergie con le banche legate alla comunità locale, che sarebbero in grado di sostenere e di assistere i comuni nelle operazioni di utilizzo dei fondi Pnrr da destinare alla tutela dell’ambiente e alla salvaguardia delle zone costiere minacciate dal degrado.

La soluzione che prevede l’intervento delle società consortili potrebbe veramente recare significativi vantaggi alle aree costiere, alle collettività delle aree interessate e all’intero sistema economico del nostro paese.

Leggi anche:  Ma che cosa vuol fare da grande l'Atalanta?

Perché è una soluzione compatibile con il diritto europeo

La conformità della soluzione rispetto alla normativa comunitaria è confermata dalla giurisprudenza della Corte di giustizia in materia di pubbliche concessioni. Poiché le spiagge, in base all’art. 822 del codice civile, appartengono allo stato e fanno parte del demanio pubblico, lo stato può decidere di darle in concessione oppure di lasciarle libere. Può anche decidere di metterle a disposizione di società consortili che operano senza scopo di lucro e intendono destinare i profitti al miglioramento dell’ambiente e delle altre attrezzature ricettive nell’interesse dell’intera collettività.

In questa ipotesi, non verrebbe in ogni caso violata la direttiva Bolkestein (ammessa e non concessa la sua applicabilità), che presuppone l’organizzazione di una gara per consentire al vincitore di realizzare profitti: con la soluzione descritta, i profitti sono invece esclusi dalla forma stessa della società consortile senza scopo di lucro, che li destina a favore della collettività. È una conseguenza giustificata anche dal fatto che le spiagge, il sole, il mare e l’intero contesto ambientale appartengono alla collettività.

Ovviamente, qualora le proposte descritte dovessero essere inquadrate in una legge che riconosca una preferenza a questa soluzione, si potranno pur sempre prevedere specifiche eccezioni a favore di scelte alternative per una parte delle aree di competenza di ogni singolo comune nonché per i motivi che il legislatore riterrà necessario od opportuno stabilire nel rispetto di un adeguato regime di concorrenza.

Certo, la soluzione implica che lo stato non si lasci espropriare della propria potestà regolatoria sull’uso dei beni demaniali da parte di chi finora ha beneficiato della sua inerzia nella gestione di questi beni.

Ma questo è tutto un altro discorso.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Nei consumi meno beni e più servizi

Precedente

Fondi pensione tra crisi e nuove sfide*

Successivo

All’economia europea serve più del taglio dei tassi

  1. Marco

    La soluzione italiana a qualsiasi cosa: il corporativismo. In questo fantasioso “G20” chi avrebbe realmente il potere? La piadineria all’angolo che sopravvive alla grande anche con una spiaggia libera o gli attuali concessionari, che senza questo sistema di donazione a fondo perduto dovrebbero pagare per sfruttare ciò che non è roba loro? Trovo commovente il tentativo dei parassiti di sopravvivere, però qui stiamo esagerando.

  2. Guido Graziutti

    Incredibile: l’estensore ha trovato un soggetto associativo e pubblico per avvalorare una tesi sull’applicazione della Bolkestein. Una propria tesi. G20Spiagge, network formato dai maggiori 20 comuni balneari italiani, si è costituito nel 2018 e opera da allora per la condivisione, tra le amministrazioni aderenti, di tematiche legate allo sviluppo socioeconomico, alla sostenibilità ambientale e alla definizione dello “Status di Comunità Marine”. Non ha alcuna posizione comune sulle concessioni balneari e non intende definirla. Alle volte la fantasia, auspicando la buona fede, crea abbagli: questo è un caso evidente. E, in considerazione della qualità di alcuni soggetti che qui espongono le loro opinioni, una maggiore attenzione va richiesta a chi, con leggerezza, mina la credibilità del sito e intacca la professionalità di chi scrive. Un simile insieme di plateali falsità è un esempio di brutta informazione! Chiedo, pertanto, una rettifica immediata o una cancellazione dell’articolo.
    Guido Graziutti, responsabile comunicazione G20Spiagge

  3. Guido Graziutti

    … non intende definirla. Non è possibile stante la diversa normativa regionale in materia. Esprime forte preoccupazione per il tema da sempre, auspicando una norma nazionale. Alle volte la fantasia…

    a parziale aggiunta del commento precedente

  4. Simone M.

    Il meccanismo descritto appare decisamente in contrasto con la normativa europea sulla concorrenza, configurando un monopolio dei servizi servizi balneari e di quanto a essi connesso. La mancanza di concorrenza tra i singoli esercenti potrebbe comportare la realizzazione di un regime di prezzi imposti, con probabili tendenze rialziste e una standardizzazione, in questo caso probabilmente al ribasso, della qualità dei servizi. Occorre inoltre tenere in considerazione che il concessionario monopolista godrebbe di una assoluta discrezionalità nell’affidamento dei servizi in appalto, con conseguenze da verificare circa la trasparenza delle assegnazioni. Da preferire quindi, con buona pace degli operatori balneari, il meccanismo delle aste, che garantisce trasparenza, efficienza nella determinazione dei canoni demaniali e mantenimento del regime di concorrenza tra gli operatori.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén