Lavoce.info

Luci e ombre del Supporto per la formazione e lavoro

È positivo che il Supporto per la formazione e il lavoro si rivolga al singolo individuo. Mentre la piattaforma Siil rende interoperabili i dati di tutte le politiche attive. Più problematico costruire percorsi di formazione adeguati al contesto economico.

Le novità positive

Il Supporto per la formazione e il lavoro (Sfl) è un’indennità mensile di 350 euro riconosciuta a soggetti di età compresa tra 18 e 59 anni che sono “occupabili” e si trovano in condizioni di povertà assoluta. Rispetto alla “Fase 2” del Reddito di cittadinanza, ovvero quella relativa alle politiche attive, sono diversi gli aspetti positivi del Sfl.

Innanzitutto, si passa da uno strumento che aveva al centro del suo intervento il “nucleo familiare” a uno che invece riguarda esclusivamente il “singolo individuo”: è la modalità corretta quando si realizzano politiche attive del lavoro. Un secondo fattore condivisibile è che il supporto è una sorta di rimborso, l’indennità economica è prevista esclusivamente nel caso il beneficiario svolga attività di politica attiva del lavoro. In precedenza, con il Rdc, bastava la semplice presa in carico che spesso non era accompagnata da altre misure, mentre con il Sfl le attività effettivamente svolte dovranno essere rendicontate dall’operatore (agenzie per il lavoro o ente formativo) che ha preso in carico il soggetto e solo a quel punto l’Inps procederà alla liquidazione.

Un ultimo aspetto, altrettanto positivo, riguarda la piattaforma Siisl (Sistema informativo per l’inclusione sociale e lavorativa) realizzata da Inps. La delega del ministero del Lavoro all’istituto di previdenza semplifica l’annoso tema dell’interoperabilità dei dati, in quanto l’Inps è detentrice di quasi tutte le fonti amministrative più rilevanti per le politiche attive del lavoro e pertanto sarà in grado di disporre di una piattaforma molto utile alla gestione della misura. Tuttavia, proprio la piattaforma Siisl è stata presentata dal governo come un motore di ricerca del lavoro on line più che un gestionale delle politiche attive. Si rischia di generare confusione e false aspettative. D’altronde il tema delle piattaforme di incontro tra domanda e offerta di lavoro non è certo nuovo in Italia: in passato Borsa lavoro, Click-lavoro e Italy works sono stati tutti tentativi di realizzare jobsites pubblici e hanno miseramente fallito.

Leggi anche:  Riforma del sostegno ai poveri: la proposta di Caritas italiana e l'esperienza internazionale

Ammettendo che Siisl diventi un efficiente motore di ricerca del lavoro on line, il valore aggiunto di una piattaforma pubblica rispetto ad altri portali, come Linkedin o Indeed, è quello di agevolare gratuitamente l’incontro tra disoccupati e micro-imprese, le quali effettivamente non utilizzano le grandi piattaforme per reclutare personale, ma prediligono i canali informali (spesso per negoziare un contratto di lavoro più o meno regolare, cosa che non potrebbe avvenire se l’annuncio fosse pubblicano on line). 

Un programma difficile da realizzare

Il vero problema è che realizzare una politica attiva dedicata alle micro-imprese è un’attività complessa che prevede scouting aziendale, selezione dei candidati e accompagnamento al lavoro. Attività che l’attore privato all’interno della misura Sfl non è in grado di realizzare. Il costo in termini di tempo e risorse impiegate è ben più elevato rispetto al rimborso previsto dall’attore pubblico, anche nell’eventualità di una generosa premialità, che per target come gli ex-percettori di Rdc è molto difficile da realizzare. In Francia, dove esiste una piattaforma del genere, è accompagnata da un numero molto elevato di dipendenti pubblici (almeno cinquemila), che gestiscono e permettono di erogare servizi di selezione e intermediazioni a tutte le imprese francesi.

A ciò si aggiunge che proporre alle micro-imprese esclusivamente soggetti svantaggiati rischia di creare un danno reputazionale all’agenzia per il lavoro operante nel mercato dell’intermediazione, né si può escludere che i fabbisogni occupazionali raccolti possano non corrispondere ai profili dei soggetti iscritti alla Sfl. 

Il mismatch di competenze potrebbe non essere il solo problema. In passato le politiche attive hanno contribuito ad alimentare un “circolo vizioso” tra lavori a bassa qualifica ed entrata/uscita dalle misure di supporto alla ricollocazione, come ad esempio è avvenuto e avviene con la figura del magazziniere, dove l’intermediazione e le premialità nella ricollocazione (più orientata alla quantità che alla qualità) agevolano un meccanismo perverso di turn over della forza lavoro nel settore della logistica.

La formazione

Arriviamo forse al tema più complesso che riguarda il Sfl, ovvero la parte relativa alla formazione. Certamente rispetto al passato si svilupperanno percorsi più aderenti alle necessità professionali del contesto economico. Tuttavia, rimane poco chiaro su quali basi le oltre 50 mila offerte formative presenti nella piattaforma Siisl rispecchino le necessità imprenditoriali. Al termine del percorso quanti discenti saranno collocati nel mercato del lavoro? Sono stati realizzati e firmati protocolli d’intesa con le associazioni datoriali che si impegnano ad assumere iscritti al Sfl, soprattutto se la formazione è avvenuta nel Mezzogiorno?

Leggi anche:  Giovani italiani "condannati" all'esclusione sociale *

È chiaro che rispondere a queste domande è molto difficile; tuttavia, all’orizzonte c’è l’evidente rischio che il beneficiario del Sfl accetti qualsiasi offerta gli venga proposta pur di ottenere il sussidio e questo comporta una fortissima discrezionalità dell’operatore privato che eroga l’attività formativa. Certo, la netta maggioranza degli operatori, mossi eticamente dalla propria responsabilità sociale, agiranno nell’interesse dei propri discenti, ma altri – seppur pochi – potrebbero opportunisticamente cercare di riempire il più possibile le “classi” per erogare il maggior numero di corsi a prescindere delle competenze e motivazioni delle persone prese in carico, le quali si troveranno, a distanza di un anno, con un attestato di frequenza e nessun lavoro.

In conclusione, quando la piattaforma Siisl sarà a regime, è importante che il ministero del Lavoro vigili le vacancy pubblicate nella piattaforma, perché come si è visto con l’esperienza del programma Garanzia giovani il rischio di annunci che mascherano contratti irregolari o palesi discriminazioni è molto elevato. Inoltre, seppur in presenza di comportamenti opportunistici, se l’obiettivo della formazione è quello di garantire agli ex-percettori di Reddito di cittadinanza una qualifica o il possesso di determinate competenze, sarebbe opportuno coinvolgere i centri provinciali per l’istruzione degli adulti (Cpia) e sviluppare con loro una deontologia della didattica e dell’insegnamento per adulti specifico per questo target, perché sono soggetti che generalmente hanno difficoltà di attenzione, di comprensione di un testo scritto e spesso hanno anche elevate percentuali di abbandono del percorso formativo.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Antitrust: esenti i lavoratori autonomi "deboli"

Precedente

La Russia nel “Mondo al Contrario”

Successivo

Redditi finanziari nella delega fiscale: novità e un’occasione persa

  1. Savino

    Il problema è culturale di fondo: l’obiettivo di chi si avvale di questi sussidi e istituti deve essere entrare il prima possibile nel mondo del lavoro ed entrarci con una formazione professionale adeguata, anche a prescindere dal numero di Km necessari per spostamenti o trasferimenti. Se l’obiettivo è questo o è simile a questo, allora tutto è più agevole come procedura. Se gli scopi sono, invece, altri, compreso il temporeggiare, il parcheggiarsi o l’arrangiarsi con modalità in nero percependo, nel frattempo, un sussidio a pioggia senza oneri allora non ci siamo. Oltre a soggetti pubblici appropriati per l’incontro domanda-offerta occorrono forme di collaborazione attiva delle persone occupabili, che finora hanno latitato perchè le norme non hanno dato importanza a questo aspetto.

  2. Roberto

    La piattaforma SIISL al momento non serve a nulla: i CPI non vi possono ancora accedere, i corsi di formazione sono in gran parte scaduti da mesi o iniziati da mesi, nel mio caso, in provincia di frosinone, sono presenti su piattaforma circa 100 corsi, quelli che stanno iniziando a settembre o dopo sono solo 10 e fra questi, quelli a cui potrei partecipare sono solo due (reskilling, percorso 3) e comunque inadatti a me. Le poche proposte lavorative sono senza nessuna indicazione del trattamento economico, pochissime informazioni in generale e richiedono praticamenbte sempre personale con esperienza o qualificato. comunque al momento non e’ possibile alcuna attivita’ sulla piattaforma in quanto l’INPS tarda ad accettare la domanda e qualunque attivita’ sulla piattaforma SIISL e’ interdetta quindi per settembre credo proprio che NESSUNO in Italia percepira’ l’ agognato supporto di 350 euro.

  3. Buon inquadramento. Mi sembra rimanga irrisolto e accantonato il problema della qualità della formazione, delle micro-credenziali e della loro segnalazione, degli incentivi a scegliere percorsi di qualità mettendo in effettiva concorrenza chi offre formazione e dando a chi deve scegliere un percorso do formazione o assumere modalità di valutazione.

  4. Alfredo

    L’impressione che la fretta di eliminare il RdC stia per produrre il solito pasticcio all’italiana. E’ partita la piattaforma senza aver apprestato gli strumenti adeguati per utenti e operatori. I centri per l’impiego restano sostanzialmente esclusi da questo meccanismo (confermando la sfiducia che il mondo della destra nutre verso di essi) mentre le agenzie per il lavoro (“più agili ed efficienti” secondo la vulgata) che devono essere obbligatoriamente indicate nel Patto di attivazione cadono letteralmente dalle nuvole di fronte alle richieste di coloro che lo hanno sottoscritto. Quanto alla formazione, rischia di essere solo uno specchietto per le allodole insufficiente a rispondere alla domanda di manodopera qualificata (ammesso che sia questa l’esigenza delle imprese, i dati ci dicono il contrario), utile solo a creare un mercimonio di titoli e attestati che restano là sulla carta.

  5. È veramente vergognoso che la gente sola è in povertà assoluta, non possa accedere ad un’ assistenza sociale o comunale, neanche le assistenti sociali sanno darti una risposta o !
    Dovrebbero battere i Pugni affinché IL loro lavoro per chi si fida di loro abbia un senso ! La loro credibilità non c’è !
    2 anni per strada e mi vedo cadere sempre più giù, la gente ha perso casa, moglie e figli a causa di mancanza di lavoro, mezza Italia è sola è abbandonata, lo stato ha tolto la dignità anche a Chi lavorava ed oggi solo capisce che SFL è una burla grossa !
    Non esistono i mezzi per ricreare posti di lavoro !
    Ed invece lo stato continua a far entrare illegalmente chiunque criminali soprattutto !
    Voglio vivere
    Anzi datemi l’opportunità di sopravvivere !

  6. Luca

    Purtroppo abbiamo a che fare con il peggior governo dai tempi del dopo guerra. Si sono scagliati contro le classi più povere con una durezza e cattiveria mai viste prima. Il governo meloni speriamo finisca al più presto perché é una vera iattura per l?Italia.. Un disastro totale.

  7. Michele

    La solita incapacità politica italiana, sono 2 mesi che sono fermo al secondo step, magari potrebbero assumere già dove gestiscono la piattaforma e credo che tra gli iscritti alla piattaforma ce ne siano più qualificati, forse alcuni più dei parlamentari italiani .
    Sto vedendo offerte di lavoro senza alcune informazioni importanti, poi tantissimi corso scaduti e di 1/ 2 mesi.
    Poi altra cosa ma un disoccupato deve spostarsi , affittare casa , frequentare il corso tutto con i 350 euro della legge italiana.
    Oppure poi ci sono i fascistelli che porteranno le buste da mangiare, perché forse forse i parlamentari che hanno costruito questa legge togliendo soldi a chi ne ha bisogno e dandoli agli evasori, non sanno che con 350 euro non si può spostare, affittare , mangiare e cagare.
    Ripeto forse loro pensano che i fascistelli porteranno da mangiare casa per casa, come quando lo facevano quando governavano altri.
    Chissà se sarà possibile fare commenti di chi vorrebbe formarsi e lavorare davvero e non essere costretti a sentire puttanate ai telegiornali pilotati.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén